Skip to content
L'esperienza enologica da Possa a Riomaggiore

Le Cinque Terre sono anche i loro vitigni e il loro vino e in ogni borgo si trovano agricoltori eroici che con passione e determinazione portano avanti la tradizione dei nostri avi.

Una visita al nostro territorio non dovrebbe quindi mai concludersi senza aver visitato i vigneti, aver degustato i vini e aver incontrato i vignaioli ai quali dobbiamo tradizione e preservazione dei rinomati terrazzamenti delle Cinque Terre e dei nostri muri a secco. 

L'esperienza enologica da Possa a Riomaggiore

Tra le proposte di esperienze enologiche da vivere quando sarai qui, la prima che ti raccontiamo è quella offerta dall’azienda agricola Possa a Riomaggiore e dal suo appassionato proprietario, Heidi Bonanini.

L’esperienza enologica da Possa a Riomaggiore

L’azienda agricola Possa, che prende il nome dalla valle di Possaitara, a Riomaggiore, offre un’esperienza quotidiana su prenotazione: due ore con il vignaiolo, per scoprire storia, peculiarità e bellezza del vigneto a strapiombo sul mare, imparare tecniche e curiosità e degustare una selezione di vini e prodotti tipici in cantina, nel cuore del borgo.

  • Dove: a Riomaggiore – appuntamento presso l’Info Point del Parco delle Cinque Terre in località Lavaccio
  • Quando: tutti i giorni, su prenotazione, via mail o telefonicamente al +39 348 316 2470  
  • Durata: due ore circa
  • Prezzo: 45€ a persona per visita al vigneto e alla cantina, degustazione e trasporto per e dal vigneto al paese

Il vino delle Cinque Terre

Oltre allo Sciacchetrà, a cui abbiamo già dedicato un articolo, e a una selezione di vini della cantina, degusterai anche il Cinque Terre DOC. Il DOC locale segue ovviamente un disciplinare specifico, di cui scoprirai tutti i dettagli durante l’esperienza, ma che ti riassumiamo comunque qui.

Deve avere colore giallo paglierino più o meno intenso, deve risultare sapido, secco e piacevole al palato, con profilo olfattivo intenso, persistente e fine e deve essere prodotto dai seguenti vitigni: Bosco per minimo 40%, Albarola e/o Vermentino per massimo 40% e da altri vitigni con bacca dello stesso colore autorizzati per la regione Liguria, che non devono comunque mai superare il 20%.

Share this post
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
error: Content is protected !!