Skip to content
2022 09 10 POCESSO VERGOGNA

Sabato 10 settembre alle ore 21,00 al Castello di Riomaggiore – Spettacolo teatrale della Compagnia ‘I Semplici SognaTTori’ “Il Processo alla Vergogna” con la regia di Maurizia Riccobaldi. In sala sarà allestita la mostra “Com’eri vestita?” a cura di Amnesty International La Spezia.

Compagnia ‘I Semplici SognaTTori’ “Il Processo alla Vergogna” con la regia di Maurizia Riccobaldi
Lo spettacolo ci riporta a un fatto realmente accaduto nel 1978 a Latina: una giovane di soli 18 anni viene stuprata da quattro uomini per un pomeriggio intero. Durante il processo la vittima è costretta a difendersi dalle accuse infamanti degli avvocati della difesa.
Questo processo è stato un punto di svolta nel lungo percorso di modifica della legge che, a quel tempo, definaiva i reati di violenza sessuale come “delitti contro la moralità pubblica e il buon costume”.
Per la prima volta nella storia italiana, un processo peer violenza su una donna, diventa un caso mediatico.

Perchè portarlo a teatro? La messa in scena di quest’opera nasce dalla volontà di mettere in atto un progetto sociale attraverso il teatro. Attraverso questa forma d’arte ssi può fare denuncia di certi crimini, comunicando con il pubblico attraverso un linguaggio differente ma che può raggiungere in modo più diretto la sensibilità delle persone.

ENTE ORGANIZZATORE: Pubblica Assistenza di La Spezia
PARTNERS SOSTENITORI: Movimento d’opinione FIDAPA, Associazione DEMOCRAZIA NELLE REGOLE, Centro antiviolenza IRENE, BUONMERCATO, Cooperativa sociale MA.RIS

“COM’ERI VESTITA” – MOSTRA DI AMNESTY INTERNATIONAL
“Com’eri vestita?”, esposizione itinerante contro gli stereotipi che colpevolizzano chi subisce uno strupro. Tramite i vestiti che indossavano diverse donne durante una violenza sessuale, la mostra vuole denunciare la vittimizzazione secondaria che attribuisce loro la responsabilità dello stupro.
La mostra itinerante, il cui viaggio doveva partire il 25 novembre 2020, è stata preceduta da un video realizzato nell’attesa di poter fisicamente creare le esposizioni.

Condividi questo contenuto
Facebook
Twitter
LinkedIn