Skip to content
Porto Venere

Cosa visitare soggiornando più a lungo? Il Golfo dei Poeti, perla del levante ligure ed escursione perfetta dalle Cinque Terre.

Ci sia arriva con il battello per Porto Venere e prendendo successivi collegamenti via mare da lì, oppure raggiungendo La Spezia in treno e poi spostandosi con gli autobus cittadini o ancora con le autovetture elettriche a disposizione dei turisti in città. Il nostro consiglio è però, per un’esperienza veramente indimenticabile e su misura, è quello di organizzare una gita in barca personalizzata, contattando uno dei barcaioli elencati qui.

Poeti e non solo

Il Golfo dei Poeti è in realtà il golfo della Spezia, battezzato così dal commediografo Sem Bonelli che durante il funerale di Paolo Mantegazza pronunciò una frase storica per chi abita da queste parti: “Beato te, o poeta della scienza che riposi in pace nel Golfo dei Poeti”. 

Fra i poeti che hanno amato e cantato il golfo spiccano George Sand e Alfred De Musset, David Herbert Lawrence, Emma Orczy, Montale, Petrarca, Marinetti, Soldati, D’Annunzio, Lord Byron e Shelley, che annegò proprio nel golfo, veleggiando a bordo della sua goletta Ariel.

Ma il golfo venne raccontato anche da grandi pittori come Turner e Botticelli, che qui dipinse la Venere, Simonetta Cattaneo, amata da Lorenzo il Magnifico e signora della villa di Fezzano, le cui vestigia si possono oggi visitare.

Il Golfo dei Poeti

Le Grazie

Un pittoresco borgo marinaro frazione di Porto Venere, famoso per i cantieri di imbarcazioni tradizionali da pesca, per il rimessaggio di velieri storici, per il parco archeologico della villa residenziale di epoca romana del Varignano e anche per l’omonimo bastione, un tempo Lazzaretto della Repubblica di Genova, poi bagno penale del Regno di Sardegna e oggi sede del degli Incursori della Marina Militare Italiana.

Porto Venere

Borgo antichissimo e dalla storia importante, Porto Venere è oggi uno dei borghi marinari più rinomati della Liguria, con una delle palazzate genovesi più variopinte e fotografate e stretti carugi che si inerpicano dal porticciolo per arrivare alle chiesa di San Lorenzo e più su il Castello Doria, da cui si gode di una bellissima vista. Il colpo di fulmine lo si ha però solitamente scoprendo la chiesa di San Pietro a picco sul mare.

A quelli che giungono dal mare appare nel lido il porto di Venere e qui

nei colli che ammanta l’ulivo è fama che anche Minerva scordasse per tanta dolcezza Atene

sua patria…

Petrarca

San Terenzo

San Terenzo è una frazione di Lerici, a cui è collegata dalla passeggiata lungomare Vassallo. Un antico borgo dove il tempo sembra essersi fermato e dove il mare domina incontrastato e scandisce la vita di chi passa da qui. Le sue spiagge chiare sono sicuramente il suo punto di forza, ma è notevole anche il castello costruito sulla scogliera, sopra la grotta nota come Tana dei Turchi.

Lerici

Nel Medioevo e fino all’epoca barocca Lerici fu un porto molto importante, da cui partivano merci e pellegrini lungo la Via Francigena o verso il nord Italia. Molto belli il ghetto ebraico, il castello, il museo geo-paleontologico, Villa Marigola con il parco in posizione dominante e poi i vicoletti tipici e le piazze sul mare.

Fiascherino

Fiascherino è un piccolo angolo di paradiso, noto soprattutto per la Caletta Lerici con il suo mare verde smeraldo e una scogliera di rara bellezza.

Tellaro

Tellaro è un tipico borgo marinaro arroccato sulla scogliera, interamente pedonale, fatto di scalette e carugi impregnati di salmastro. Le fortificazioni medievali qui sono ancora ben visibili: le mura a nord e le due torri di origine pisana trasformate rispettivamente nel campanile della chiesa di San Giorgio e nella porta del paese.

Le isole del Golfo dei Poeti

Davanti a Porto Venere si trova l’arcipelago con le isole Palmaria, Tino e Tinetto.

La Palmaria è l’isola più grande della Liguria e offre un bel sentiero per il trekking nonché bellissimi punti panoramici sul tutto il golfo.

Il Tino è zona militare e vi si può accedere solo in occasione di San Venerio, il 13 settembre, quando si celebra il patrono della Spezia, protettore dei guardiani di faro.

Il Tinetto è un piccolo sperone di roccia che esce dal mare, sede di un antico oratorio le cui rovine si possono visitare. Famoso tra i marinai perché sulla sua punta sud venne installata una statua della Madonna, la Stella Maris, per segnalare uno scoglio affiorante.

La Torre Scola

Nota anche come Torre di San Giovanni Battista, è un edificio militare pentagonale della Repubblica di Genova, eretto nel 1606 su un isolotto nel cuore del Golfo dei Poeti. Postazione difensiva della Palmaria insieme ai forti Cavour e Umberto I e alla Batteria Semaforo.

Share this post
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
error: Content is protected !!