Visite guidate nel parco delle Cinque Terre

Visite guidate nel parco delle Cinque Terre

Durante la stagione estiva il Parco organizza visite guidate nel parco delle Cinque Terre, alla scoperta dei nostri borghi e sentieri. Un programma noto come “Cinque Terre Walking Park” e riservato ai possessori della Cinque Terre Card, senza costi aggiuntivi, ma con l’obbligo di prenotazione via mail.

Per partecipare, oltre alla prenotazione, occorre presentarsi alla partenza qualche minuto prima, indossando calzature adatte alla camminata su sentieri e ne approfittiamo per consigliarvi di leggere i nostri spunti pratici per fare trekking in sicurezza e godendone appieno.

Visite guidate nel parco delle Cinque Terre

Il programma di visite guidate nel parco delle Cinque Terre

  • 1: escursione da Manarola alla “Fondazione Manarola”. L’appuntamento con la guida è alle ore 9:30 davanti all’Info Point del Parco presso la stazione ferroviaria di Manarola
  • 3: escursione da Corniglia a Manarola. L’appuntamento con la guida è alle ore 9:30 davanti all’Info Point del Parco presso la stazione ferroviaria di Corniglia
  • 6: “Il profumo dei Limoni”, un trekking a Monterosso. L’appuntamento con la guida è alle ore 10 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Monterosso
  • 9: tour in e-bike da Levanto a Monterosso. L’appuntamento con la guida è alle ore 9:30 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Levanto
  • 11:  trekking da Manarola a Groppo. L’appuntamento con la guida è alle ore 9.30 davanti all’Info Point del Parco di Manarola
  • 13: escursione da Levanto a Monterosso. L’appuntamento con la guida è alle ore 9.30 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Levanto
  • 16: trekking da Riomaggiore al vigneto “Possa”. L’appuntamento con la guida è alle ore 9:30 davanti all’Info Point del Parco presso la stazione ferroviaria di Riomaggiore
  • 18: escursione da Manarola a Corniglia. L’appuntamento con la guida è alle ore 9:30 davanti all’Info Point del Parco presso la stazione ferroviaria di Manarola
  • 20: “Il profumo dei Limoni”, un trekking a Monterosso. L’appuntamento con la guida è alle ore 9:30 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Monterosso
  • 25: escursione da Manarola alla “Fondazione Manarola”. L’appuntamento con la guida è alle ore 9:30 davanti all’Info Point del Parco presso la stazione ferroviaria di Manarola
  • 27: “Il profumo dei Limoni”, un trekking a Monterosso. L’appuntamento con la guida è alle ore 9:30 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Monterosso
  • 30: tour in e-bike da Levanto a Monterosso. L’appuntamento con la guida è alle ore 18 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Levanto
Visite guidate nel parco delle Cinque Terre

Visite guidate dei cinque borghi

  • 2: visita guidata di Riomaggiore. L’appuntamento con la guida è alle ore 10 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Riomaggiore
  • 2: visita guidata di Manarola. L’appuntamento con la guida è alle ore 10 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Manarola
  • 4: visita guidata di Manarola. L’appuntamento con la guida è alle ore 10 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Manarola
  • 4: visita guidata di Corniglia. L’appuntamento con la guida è alle ore 10 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Corniglia
  • 5: visita guidata di Vernazza. L’appuntamento con la guida è alle ore 10 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Vernazza
  • 5: visita guidata di Monterosso. L’appuntamento con la guida è alle ore 10 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Monterosso
  • 10: visita guidata di Corniglia. L’appuntamento con la guida è alle ore 10 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Corniglia
  • 12: visita guidata di Vernazza. L’appuntamento con la guida è alle ore 10 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Vernazza
  • 12: visita guidata di Monterosso. L’appuntamento con la guida è alle ore 10 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Monterosso
  • 19: visita guidata di Vernazza. L’appuntamento con la guida è alle ore 10 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Vernazza
  • 19: visita guidata di Monterosso. L’appuntamento con la guida è alle ore 10 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Monterosso
  • 23: visita guidata di Riomaggiore. L’appuntamento con la guida è alle ore 10 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Riomaggiore
  • 23: visita guidata di Manarola. L’appuntamento con la guida è alle ore 10 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Manarola
  • 24: visita guidata di Corniglia. L’appuntamento con la guida è alle ore 10 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Corniglia
  • 26: visita guidata di Vernazza. L’appuntamento con la guida è alle ore 10 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Vernazza
  • 26: visita guidata di Manarola. L’appuntamento con la guida è alle ore 10 davanti all’Info Point del Parco in stazione a Manarola

In caso di condizioni meteo avverse ovviamente il programma potrebbe subire cambiamenti e l’escursione potrebbe anche essere annullata.

Trekking da Manarola a Corniglia via Volastra

Corniglia

La camminata che porta da Manarola a Corniglia è una delle più panoramiche della nostra regione e attraversa uliveti, vigneti, bosco e scogliera, passando dal borgo di Volastra.

Trekking da Manarola a Corniglia via Volastra in numeri

  • 5 km circa
  • 335 m di dislivello sul mare
  • 2 ore 30 minuti di cammino circa
  • per camminatori allenati
  • sentiero 506, poi 586 e 587
Manarola

Il percorso

Dopo aver dedicato del tempo alla scoperta e alla visita del borgo di Manarola, potrete incamminarvi risalendo la vallata sulla destra del torrente Groppo. Questa prima parte di cammino è una salita piuttosto ripida, fino alla località Piè di Fiesse, da dove continuerete per pochi metri lungo la SP 51 in direzione Groppo, fino a ritrovare un’antica mulattiera sulla sinistra.

Quest’ultimo tratto di salita è già meno ripido ed è immerso tra campi coltivati ad ulivo che caratterizzano il sentiero fino a Volastra, anticamente nota come Vicolus Olivastre, ovvero villaggio degli uliveti.

Dopo una tappa presso il suggestivo Santuario Nostra Signora della Salute, costruito in pietra arenaria nel XII secolo, potrete continuare la camminata, che è ora tutta vista mare, attraverso vigneti e terrazzamenti.

Una vera meraviglia e una delle poche tratte quasi pianeggianti del nostro territorio. Alcuni passaggi sono però abbastanza stretti e non vi sono protezioni, vi consigliamo quindi di prestare molta attenzione al camminamento, nonostante il panorama cambi passo dopo passo e lasci senza fiato.

“La Liguria non resterà nella storia perché ha scoperto l’America e suonato il violino di Paganini, ma per via del primo uomo che da una roccia a picco sui frangenti del mare ha fatto uscire un grappolo d’uva” 

Vittorio G. Rossi, “Il cane abbaia alla luna”

Dai tipici vigneti si passa alla macchia mediterranea, con una tratta di sentiero immersa nel bosco di pini e lecci tra il centro abitato di Porciana e fino alle Case Pianca, da dove si inizia la discesa verso Corniglia, lungo un’antica mulattiera, a tratti sconnessa, che attraversa una bella pineta a picco sul mare per poi raggiungere uliveti e vigneti in prossimità del paese.

Per maggiori dettagli sul trekking da Manarola a Corniglia via Volastra, potete anche consultare il percorso sulla mappa ufficiale del Parco Nazionale delle Cinque Terre.

Cinque Terre Hiking Trails

Per i camminatori meno allenati

Se non siete troppo allenati, potete anche evitare la salita da Manarola a Volastra optando per un più comodo e rapido autobus.

Vi basterà recarvi presso l’Info Point del Parco che si trova in stazione per acquistare il biglietto, che costa 1,50€ se acquistato all’Info Point o 2€ se direttamente sul pulmino. Per chi avesse la Cinque Terre Card il servizio è invece incluso.

Il pulmino parte dall’ufficio postale e, dati i pochi posti a sedere, vi consigliamo di essere alla fermata con un po’ d’anticipo. 

Cinque Terre Walking Park, settembre 2020

Trekking alle Cinque Terre

Nel fine settimana il Parco Nazionale delle Cinque Terre organizza delle escursioni guidate alla scoperta dei nostri sentieri. Un programma noto come “Cinque Terre Walking Park” e riservato ai possessori della Cinque Terre Card, senza costi aggiuntivi, ma con l’obbligo di prenotazione via mail.

Trekking alle Cinque Terre

Circuiti ad anello che partono dai centri di accoglienza del parco presso le stazioni dei vari borghi. Il percorso dura sempre quattro ore circa, partendo alle ore 9 ed è consigliato a escursionisti esperti.

Per partecipare, oltre alla prenotazione, occorre presentarsi alla partenza qualche minuto prima, indossando calzature adatte alla camminata su sentieri e ne approfittiamo per consigliarvi di leggere i nostri spunti pratici per fare trekking in sicurezza e godendone appieno.

Il programma del Cinque Terre Walking Park

In caso di condizioni meteo avverse ovviamente il programma potrebbe subire cambiamenti e l’escursione potrebbe anche essere annullata.

Cinque Terre Walking Park, agosto 2020

Vernazza

Nel fine settimana il Parco Nazionale delle Cinque Terre organizza delle escursioni guidate alla scoperta dei nostri sentieri. Un programma noto come “Cinque Terre Walking Park” e riservato ai possessori della Cinque Terre Card, senza costi aggiuntivi, ma con l’obbligo di prenotazione via mail.

Trekking alle Cinque Terre

Circuiti ad anello che partono dai centri di accoglienza del parco presso le stazioni dei vari borghi. Il percorso dura sempre quattro ore circa, partendo alle ore 9 ed è consigliato a escursionisti esperti.

Per partecipare, oltre alla prenotazione, occorre presentarsi alla partenza qualche minuto prima, indossando calzature adatte alla camminata su sentieri e ne approfittiamo per consigliarvi di leggere i nostri spunti pratici per fare trekking in sicurezza e godendone appieno.

Il programma del Cinque Terre Walking Park

In caso di condizioni meteo avverse ovviamente il programma potrebbe subire cambiamenti e l’escursione potrebbe anche essere annullata.

Trekking olistico alle Cinque Terre

Trekking olistico alle Cinque Terre

Il trekking olistico è un nuovo modo di fare trekking alle Cinque Terre, tra benessere e spiritualità.

La Via dell’Essenza continua la sua crescita con una programmazione sempre più ricca: è in partenza un calendario di trekking olistici che ci faranno scoprire in maniera del tutto inaspettata le Cinque Terre e i sentieri meno battuti ma certamente più evocativi.

Si tratta di cammini multisensoriali insoliti alla scoperta delle bellezze inedite di un territorio incantato, quasi magico, veri e propri eventi itineranti a tema tra natura e siti simbolici che assumeranno la valenza di viaggi interiori difficili da dimenticare.

Trekking olistico alle Cinque Terre

Il primo trekking olistico alle Cinque Terre: cammino tra i Cinque Elementi “Passaggio a Limen”

Si comincia il 26 Luglio con “Passaggio a Limen”, il cammino dedicato ai cinque elementi che alle Cinque Terre convivono in totale armonia. L’appuntamento è alle 7:30 alla stazione ferroviaria di Riomaggiore.

Da lì ci si dirigerà verso Lavaccio, passando per la Chiesa di San Giovanni Battista, per poi proseguire fino al Santuario della Madonna di Montenero (che per l’occasione sarà aperto in via del tutto eccezionale per l’Anniversario dell’Incoronazione) e arrivare al Telegrafo da cui si raggiungerà il sito archeologico megalitico del Monte Grosso. Il ritorno a Lavaccio è previsto per le 14 dove sarà servito il pranzo presso la bellissima terrazza de L’Arcobaleno.

 “Abbiamo scelto questo nome per il primo percorso in quanto ci sembrava che la parola limen, oltre ad essere il nome delle vigne attraverso cui passeremo, fosse rappresentativo dell’esperienza che vogliamo far vivere. Il limen è una zona di confine che non necessariamente ha il significato di “barriera”, ma che può essere intesa anche come “soglia”, come passaggio misterioso, quasi iniziatico, tra una dimensione terrena e una spirituale”, afferma Mattia Confalonieri di Namastrails, tra gli organizzatori.

“Durante il percorso sono distribuite cinque tappe, ciascuna dedicata ad un elemento (l’aria, l’acqua, la terra, il fuoco e l’etere), nelle quali i partecipanti verranno coinvolti in attività molto intense, tra canti, meditazioni, aromi e cristalli. Sarà molto emozionante e significativo”. “Proprio così” prosegue Gianluca Pezzino “ma si tratterà anche di un passaggio tra passato e presente, in cui legheremo la partenza dalla Chiesa di San Giovanni Battista e la visita al bellissimo Santuario della Madonna di Montenero all’arrivo al sito archeoastronomico di Monte Grosso, creando un collegamento tra i simboli della nostra tradizione cristiana con quelli animistici delle civiltà precristiane molto connesse con l’Universo e gli elementi della creazione,  vivendo la possibilità di riconnetterci con quelle forze primigenie e inconsce che nella quotidianità tendiamo a respingere nell’ombra”.

Gli altri appuntamenti della stagione con il trekking olistico alle Cinque Terre

  • 9 agosto con i primi tre chakra
  • 16 agosto con gli altri quattro chakra
  • 6 settembre con i primi sei segni zodiacali
  • 20 settembre con gli altri sei segni zodiacali

Per maggiori informazioni e per prenotare l’esperienza, potete telefonare al +39 366 6886604 o inviare un e-mail.

Cinque Terre Walking Park, luglio 2020

Cinque Terre Walking Park

Nel fine settimana il Parco Nazionale delle Cinque Terre organizza delle escursioni guidate alla scoperta dei nostri sentieri. Un programma noto come “Cinque Terre Walking Park” e riservato ai possessori della Cinque Terre Card, senza costi aggiuntivi, ma con l’obbligo di prenotazione via mail.

Cinque Terre

Circuiti ad anello che partono dai centri di accoglienza del parco presso le stazioni dei vari borghi. Il percorso dura sempre quattro ore circa, partendo alle ore 9 ed è consigliato a escursionisti esperti.

Per partecipare, oltre alla prenotazione, occorre presentarsi alla partenza qualche minuto prima, indossando calzature adatte alla camminata su sentieri e ne approfittiamo per consigliarvi di leggere i nostri spunti pratici per fare trekking in sicurezza e godendone appieno.

Il programma del Cinque Terre Walking Park

In caso di condizioni meteo avverse ovviamente il programma potrebbe subire cambiamenti e l’escursione potrebbe anche essere annullata.

La Via Beccara

Trekking alle Cinque Terre

La Via Beccara è un sentiero verticale tra i vigneti e fino alla costruzione della Via dell’Amore fu l’unico collegamento terrestre tra i borghi di Riomaggiore e Manarola.

Via Beccara, Trekking alle Cinque Terre
Via

La Via Beccara in numeri

  • sentiero n°531 delle Cinque Terre
  • 1.500 km di lunghezza
  • 202 di dislivello sul mare
  • 1 ora di cammino circa
  • per camminatori esperti

Il percorso

Partendo da Riomaggiore, l’imbocco del sentiero si trova sopra la stazione ferroviaria di Riomaggiore, salendo lungo la Via Signorini fino all’incrocio con Via Tracastello sulla sinistra.

La Via Beccara parte con il ponticello che attraversa il canale Rio Maior, che ha dato il nome al borgo, e sale subito verticalmente lungo una scalinata in sasso che attraversa e collega i vigneti su questo versante del paese.

Una salita per camminatori allenati, che mette decisamente a dura prova il fiato.

Oltre seicento gradini per raggiungere il colle Corniolo che domina e separa Riomaggiore e Manarola e da cui si inizia immediatamente a scendere, sempre verticalmente e sempre fronte a un panorama unico, su terrazzamenti, borghi e insenature dalla Madonna di Montenero a Punta Mesco.

L’arrivo a Manarola è super suggestivo, tra tipici viottoli stretti e terrazze vista mare.

La Cinque Terre Card

Manarola

La Cinque Terre Card è un pass visitatori, che ti consentirà di approfittare al massimo del tuo soggiorno, usufruendo di servizi utili e al contempo sostenendo il nostro territorio.

La Card è infatti stata introdotta dal Parco al fine di preservare sentieri e percorsi originariamente costruiti dagli abitanti per spostarsi e dai contadini per raggiungere i loro campi terrazzati. Vie di comunicazione e lavoro essenziali, ma non previste per l’alto calpestio odierno dovuto al turismo.

Monterosso

Cosa include la Cinque Terre Card

Ci sono due tipi di pass tra cui puoi scegliere:

  • la Cinque Terre Trekking Card semplice, che include l’accesso al sentiero SVA, attualmente fruibile tra Corniglia e Monterosso, le visite ed escursioni guidate note come Cinque Terre Walking Park, quelle organizzate presso il Parco Letterario Eugenio Montale a Monterosso, i pulmini ATC, i servizi igienici pubblici presso i cinque borghi, il WiFi in prossimità degli hotspot del Parco, la partecipazione ai laboratori del Centro di Educazione Ambientale e uno sconto presso i Musei Civici della Spezia.
  • la Cinque Terre Treno MS Card che, oltre ai servizi inclusi in quella base, offre l’accesso illimitato alla seconda classe dei treni regionali e regionali veloci nella tratta Levanto – La Spezia e a tutti i treni denominati Cinque Terre Express.
Cinque Terre Express Train

Acquisto e tariffe

La Cinque Terre Card, nominativa e incedibile, si può acquistare presso i centri di accoglienza del Parco, da Levanto a La Spezia, ma onde evitare code e per verificare tariffe ed eventuali limitazioni dovute al meteo, ti consigliamo di acquistarla online, sul sito ufficiale.

In caso di acquisto della Card cartacea, verifica sempre con l’addetto che te la vende se vada convalidata o meno prima di prendere il treno!

Qualsiasi pass tu abbia scelto e indipendentemente da dove e come tu l’abbia acquistato, al momento del controllo ti potrà essere chiesto un documento di identità, anche per i bambini, che se minori di quattro anni usufruiscono di quella dell’adulto che li accompagna.

Cinque Terre Card “Strutture Ricettive”

Soggiornando presso una struttura ricettiva delle Cinque Terre aderente al Marchio di Qualità del Parco, hai diritto a uno sconto sulla Cinque Terre Card!

Verifica al momento della prenotazione o al check-in e richiedila in struttura, dato che solo loro possono emetterla digitalmente.

Trekking alle Cinque Terre: consigli pratici

Trekking alle Cinque Terre

Fare trekking permette veramente di apprezzare appieno e comprendere le Cinque Terre e chi le abita.

Camminare lungo i nostri sentieri è il metodo migliore per scoprire storia, cultura e tradizioni locali, per innamorarsi del paesaggio, per capire la struttura dei borghi, perché l’agricoltura qui è eroica, perché il nostro vino ha un valore che va ben oltre il suo gusto e anche perché non è un territorio adatto al turismo di massa.

Insomma, a meno che proprio non faccia per te, ti consigliamo di fare trekking, che però non vuol dire incamminarti sempre e comunque.

Ecco perché abbiamo deciso di pubblicare questo breve articolo con alcuni dettagli che tendiamo a dare per scontati, ma non lo sono. Semplici consigli pratici che possono migliorare la tua esperienza e consentirti di viverla in sicurezza e serenità.

Trekking alle Cinque Terre

1. le scarpe da trekking

Siamo al mare, ma fare trekking qui è come farlo in montagna.

Niente infradito quindi né sandali né ballerine né altre scarpe decisamente non adatte al tipo di camminata. Quello che ti serve sono buone scarpe da trekking, con una buona suola e supporto della caviglia e meglio se non appena acquistate. Se proprio fossero nuove, almeno indossale già qualche giorno prima, per evitare ti facciano male al primo sentiero.

2. abbigliamento

Ti consigliamo un abbigliamento comodo e leggero, magari “a cipolla”, ovvero prevedendo vari strati per passare da salite al sole a tratte più fresche all’ombra o addirittura freddine al tramonto o in caso di vento. Fossimo in te penseremmo anche al costume da bagno, perché l’arrivo è sempre al mare…

3. zaino

Lo zaino ti serve, ma che sia leggero. Cosa metterci?

  • gli strati d’abbigliamento consigliati al paragrafo 2
  • borraccia termica per l’acqua
  • uno snack
  • protezione solare
  • occhiali da sole
  • sacchetto impermeabile se pensi di fare il bagno
  • telo mare nella stessa eventualità, magari in microfibra
  • cerotti seconda pelle se le scarpe sono nuove
  • cartina e guida se non ne hai una consultabile sullo smartphone
  • caricabatterie da viaggio onde prevenire problemi
  • spray contro le punture di insetti
  • macchina fotografica
  • un sacchetto di plastica per la spazzatura, che potrai poi smaltire arrivando in uno dei paesi toccati dal tuo itinerario

4. quale sentiero?

Gli articoli su questo sito, la pagina dedicata su quello del Parco Nazionale delle Cinque Terre, i gestori della struttura presso la quale alloggi e il personale addetto all’accoglienza presso gli uffici turistici del Parco sapranno darti indicazioni circa la difficoltà e durata dei singoli sentieri e se hai ancora dubbi scrivici!

Il consiglio è ovviamente quello di non strafare. Se non sei allenato e il tuo soggiorno te lo consente, inizia con un percorso dal dislivello meno impegnativo e magari non troppo lungo e giorno dopo giorno aumenta la difficoltà. Puoi anche optare per la Via dei Santuari, salendo in quota con un minibus del Parco.

Camminare con un ritmo regolare poi ti aiuterà a non andare in affanno: passi piccoli in salita e alla cadenza che il tuo fisico ti suggerisce. Se sei in compagnia e gli altri sono più allenati di te, saranno loro a doversi adeguare e magari ne riderete insieme.

4. il meteo

Con piogge violente e allerte meteo il Parco interrompe la vendita della Cinque Terre Card e vieta l’accesso al sentiero SVA nella tratta tra Monterosso e Corniglia e questo affinché gli escursionisti non corrano rischi.

Gli altri sentieri non vengono chiusi, ma è buona norma non incamminarsi con meteo avverso: il percorso diventa pericoloso e spesso è a picco sul mare, la visibilità cala e in caso di problema anche i soccorsi faticano a svolgere il loro compito. Insomma, te lo sconsigliamo di cuore.

Se hai dubbi, anche in questo caso ti invitiamo a confrontarti con gli addetti all’accoglienza e con le persone del posto che conoscono i singoli sentieri e il relativo grado di rischio.

Ma vale la pena fare trekking alle Cinque Terre?

Beh, se l’introduzione non ti ha convinto, pensa che camminare sui sentieri ha effetti positivi sia sul sistema respiratorio sia sul quello cardio-polmonare, brucia calorie e rassoda cosce, polpacci e glutei. Se poi usi i bastoni lavora pure la parte alta del corpo.

E poi veramente, non c’è modo migliore che fare trekking per scoprire il paesaggio delle Cinque Terre e comprenderne bellezza, origini e fragilità.

Buona camminata!